USA ESTA

Autorizzazione ESTA: obbligatoria per quali paesi?

L’ESTA è un sistema messo in atto dal governo degli Stati Uniti per mantenere l’accesso senza visto agli Stati Uniti, pur mantenendo una forte politica di sicurezza.

L’esenzione dal visto fa parte del Programma di esenzione dal visto. Questo programma mira a facilitare gli scambi tra gli Stati Uniti e una serie di Paesi alleati con politiche di sicurezza simili.

Solo i cittadini dei Paesi membri del VWP possono recarsi negli Stati Uniti utilizzando l’ESTA. La maggior parte di questi Paesi è membro dell’Unione Europea o si trova nel continente europeo: Andorra, Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Israele (dall’ottobre 2023), Italia, Giappone, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, San Marino, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.

L’ESTA è giusta per l’Europa?

Alcuni cittadini non europei possono recarsi negli Stati Uniti senza visto. I cittadini del Sultanato del Brunei, della Repubblica di Corea, dell’Australia, della Nuova Zelanda, di Taiwan, del Giappone e di Singapore possono recarsi negli Stati Uniti solo con l’autorizzazione ESTA.

Per i Paesi non coperti dall’ESTA, i loro cittadini devono essere in possesso di un visto USA corrispondente alla natura del viaggio: diplomatico, sportivo, per investitori, per giornalisti, per coppie alla pari, per semestri di studio, ecc.

È possibile che una compagnia aerea o di crociera che serve gli Stati Uniti rifiuti l’imbarco a un passeggero senza visto o ESTA.

L’ESTA è valida per un massimo di 2 anni dalla data di emissione, a condizione che il passaporto sia valido per gli Stati Uniti. Se il passaporto dovesse scadere prima dell’ESTA, l’autorizzazione non sarebbe più valida e dovrete richiederne un’altra con il nuovo numero di passaporto.