USA ESTA

Come entrare in un’università americana?

Dopo gli A-levels, se volete studiare all’università negli Stati Uniti, potete farlo con un po’ di preparazione. Vi daremo una panoramica su come entrare in un’università americana e sulle formalità di viaggio che dovrete espletare. Dimenticate l’ESTA, avete bisogno di un visto F1.

Come sono le università americane?

Negli Stati Uniti ci sono quasi 4.900 università. Le università americane sono altamente selettive. Per entrare in un’università americana, è necessario richiedere l’ammissione e presentare una domanda. I requisiti di ammissione variano da un’università all’altra, ma tutte verificano il vostro livello accademico e linguistico. Naturalmente, i requisiti di ammissione saranno più difficili per le università più rinomate come Yale, Harvard, Brown, ecc.

Per determinare il vostro livello accademico, le università fanno riferimento al GPA (Grade Point Average), che è la conversione della vostra media nel sistema educativo americano. A queste informazioni si aggiunge il SAT (Scholastic Assessment Test), che è un test di ingresso. Il SAT è diviso in tre sezioni: analisi del testo, scrittura e matematica. Naturalmente, più alto è il punteggio, maggiori sono le possibilità di entrare nell’università americana di vostra scelta.

Per l’ammissione di uno studente non anglofono a un’università americana, è necessario dimostrare la comprensione della lingua inglese. Le università vogliono essere sicure del vostro livello di inglese prima di accettarvi, quindi vi chiederanno i risultati di un test linguistico. TOEFL o IELTS sono generalmente i test di lingua inglese di riferimento.

Vi verrà inoltre chiesto di scrivere un saggio personale in cui descriverete voi stessi e convincerete l’università ad accettarvi. Lo scopo dell’università è valutare chi sei (e non solo come studente), qual è il tuo percorso di vita, quali sono le tue attività extracurriculari, quali sono le tue ambizioni e così via. È importante che il saggio sia personale e rifletta chi siete veramente sia nel contenuto che nello stile.

Una lettera di raccomandazione è spesso inclusa nella domanda. Chiedete ai vostri insegnanti di scrivere queste lettere di referenza per voi.

Un fattore chiave da considerare quando si studia negli Stati Uniti è la propria situazione finanziaria. Le tasse universitarie dall’altra parte dell’Atlantico sono particolarmente elevate e variano da un’università all’altra.

Non è possibile approfittare del programma Erasmus per frequentare un’università americana, e ottenere una borsa di studio per coprire le tasse universitarie può essere difficile. Le borse di studio americane sono raramente assegnate a studenti stranieri.

Naturalmente, avete ancora la possibilità di contrarre un prestito studentesco, che spesso è la soluzione per molti studenti americani. Informatevi sui diversi tipi di assistenza finanziaria disponibili (borse di studio basate su criteri sociali, assistenza alla mobilità, Rotary Club, ecc.

Quale visto devo richiedere per frequentare un’università americana?

Quando si visitano gli Stati Uniti, c’è sempre una domanda da porsi: visto o ESTA?

Per studiare in un’università americana è necessario un visto F1. È destinato agli studenti che desiderano iscriversi a un istituto di istruzione accreditato. L’istituto può essere una scuola secondaria statale o privata, un liceo o un’università, nonché una scuola di lingue per soggiorni linguistici, ma non può essere un centro di istruzione per adulti. Gli studenti devono frequentare corsi a tempo pieno, vale a dire più di 18 ore a settimana.

Per richiedere un visto F1, è necessario essere ammessi a uno degli istituti citati, nel nostro caso un’università americana. L’università rilascia quindi il modulo I-20.

Dovrete richiedere un colloquio con un funzionario consolare presso l’ambasciata americana. Durante il colloquio, il funzionario consolare porrà una serie di domande sul motivo per cui si desidera studiare negli Stati Uniti e sulla propria istruzione secondaria.

I documenti da presentare sono :

Questo visto non dà diritto a lavorare durante il primo anno di università, ma è possibile trovare un lavoro nel campus universitario a determinate condizioni. Va notato che questo lavoro non deve essere motivato da ragioni economiche, ma piuttosto dalla necessità di fare esperienza o di comprendere meglio la cultura americana.